Una delle frasi che mi ritrovo a dire a chi si sta separando è la seguente: Siete in attesa della sentenza del giudice ma sappiate che, avendo dei figli, per tutta la vostra vita dovrete trovare accordi.

A volte questo suscita sgomento. Ma come, con quell’essere che io vorrei eliminare dalla mia vita, non vederlo più, dimenticarmi il suo numero di cellulare, io dovrei continuare ad accordarmi, vederlo, frequentarlo? La risposta è SI’, se ci sono figli. Non basterà trovare accordi sul contributo mensile o su chi pagherà il dentista, cose che si possono fare anche stando lontani. Dovremo decidere se andare insieme o no alla festa di fine anno della scuola, alla finale del suo campionato di calcio, alla sua festa di laurea o di fidanzamento. E’ complicato. Ed è a questo punto che diventa particolarmente importante essere capaci di “mettere i figli al primo posto”. Siamo diventati e saremo per sempre genitori. E’ su questo piano che dobbiamo essere capaci di trovare accordi.

Da anni, anche in collaborazione con alcuni avvocati, lavoro in questa direzione. La separazione rimarrà comunque un fatto doloroso, ma non tale da imprigionare i figli in ruoli negativi, minare la loro autostima, ostacolare la loro crescita o far perder loro la fiducia in una possibile e serena vita sentimentale.